NUOVA GASTRONOMIA PECK A MILANO

NUOVA GASTRONOMIA PECK A MILANO

Il celebre brand di ristorazione continua la sua crescita con l’inaugurazione di una innovativa gastronomia nella zona di Porta Venezia.

 

Si chiama semplicemente Peck Porta Venezia, la nuova gastronomia di quartiere che il celebre marchio milanese ha appena aperto in via Tommaso Salvini 3, nel cuore di Porta Venezia. Il negozio si presenta come un piccolo punto vendita al cui interno è possibile trovare una selezione delle infinite prelibatezze che hanno reso Peck il simbolo dell’alta gastronomia milanese nel mondo.

L’apertura segue quella di Peck CityLife gastronomia, ristorante, enoteca, cocktail bar – dello scorso dicembre, a conferma della strategia di espansione del brand. Peck Porta Venezia inaugura una nuova idea, quella del piccolo negozio di quartiere, capace di offrire un’esperienza di acquisto quotidiana, “sotto casa”. Uno spazio di 30 mq pensato per portare le specialità prodotte negli storici laboratori di Via Spadari 9 più vicine agli abitanti della zona.

Un concetto di qualità a portata di mano che consiste non solo nell’attenta selezione di prodotti, ma che offre anche l’esperienza e il servizio del personale di Peck. Quella capacità di sviluppare un rapporto di conoscenza diretta del cliente, di assistenza all’acquisto, di consulenza sulla selezione e gestione dei cibi.

Spiega Leone Marzotto, la cui famiglia ha rilevato il marchio nel 2011 e che dal 2016 è AD di Peck:

“La piccola gastronomia di quartiere è un’espressione della nostra attenzione al servizio verso il cliente. Il negozio di via Spadari è unico al mondo e continueremo a farci cose sempre più uniche, ma per la spesa di tutti i giorni il cliente ha bisogno di un negozio vicino a casa. Il delivery riveste un ruolo importante, ma l’esperienza di acquisto da noi comprende anche il rapporto a tu per tu con il banconiere che sa consigliare e capire i gusti. Un rapporto di fiducia, all’antica, nel senso migliore del termine.”

Questa apertura si inserisce in un più ampio movimento di riqualificazione della distribuzione alimentare nei centri delle città. Per anni infatti era prevalsa la delocalizzazione dei negozi dal centro alla periferia, con la conseguente perdita di identità delle strade e di una filiera di relazioni di prossimità, di fiducia, di conoscenza che è in ultima analisi il sale delle comunità stesse.

A cura della Redazione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi